Eventi

TEATRO ASTORIA: IL CARTELLONE DI PROSA 2019/20

Sette grandi spettacoli di prosa con protagonisti i più celebri nomi del panorama teatrale italiano.

Il Teatro Astoria di Lerici dà il via al cartellone di prosa della stagione 2019/20 con una programmazione imperdibile:

21 dicembre, “Skianto”: Filippo Timi, volto di riferimento del teatro italiano, del piccolo e del grande schermo, porterà sul palco una favola amara, un testo spiazzante che mescola rabbia e dolore a un’esilarante ironia-pop, con un’interpretazione anticonvenzionale, istrionica e intima. Uno spettacolo celebrato da tutta la critica italiana, che descrive il protagonista come “un vero atleta del cuore, sempre dentro e fuori i personaggi”;

8 gennaio, “Tropicana” con Claudia Marsicano. Tropicana è un brano del Gruppo Italiano: dopo aver dominato le classifiche dell’estate 1983, diventa un brano simbolo dell’estate. Ma di cosa parla davvero questa canzone? Utilizzando in maniera paradigmatica il brano e l’esperienza del Gruppo Italiano, lo spettacolo apre una riflessione sul rapporto tra arte e mercato. Sul palco l’identità della compagnia si sovrappone a quella del Gruppo Italiano, in un cortocircuito tra identità reali e immaginarie, in cui ogni interprete sembra fare “outing” delle proprie debolezze, vigliaccherie e speranze. Tropicana è una lenta immersione negli abissi, alla ricerca del nero che è sempre nascosto dentro un involucro colorato, e del punto di contatto tra quel nero e questo attuale che ci sommerge;

30 gennaio 2020, “Buon anno, ragazzi” con Francesco Brandi. Una storia incentrata su Giacomo, un insegnate di filosofia, scrittore precario, compagno e padre ancora più precario, che si trova a passare da solo, per sua scelta, la notte di Capodanno. Una riflessione sulla nostra difficoltà di gestire gli affetti e sulla nostra patologica incapacità di utilizzare un dizionario leale e, perché no, dolce, con le persone che ci stanno più vicine;

13 febbraio, “Il medico dei pazzi” con lo spezzino Leonardo D’Angelo, Alessandro Pacifici, Annalisa Amodio, Filippo Bubbico, Sandro Scarpelli, Giovanna Cappuccio, Andrea Villanetti, Corrado Scalia, Serena Delle Cave. Ciccillo studente in medicina fa credere a zio Felice e zia Concetta, che lo mantengono a Napoli, di essere diventato psichiatra e di aver aperto una casa di cura. Michelino, suo amico fidato, dovrà aiutarlo a reggere questo gioco perché Ciccillo non solo non si è laureato e non ha aperto nessuna casa di cura, ma ha speso tutti i soldi che gli zii gli hanno mandato in gioco, donne e bella vita! Che disastro… e adesso? Come si fa? Semplice, bisognerà far credere a zio Felice e zia Concetta che la “Pensione Stella” dove abita Ciccillo altri non è che la “Casa di cura” e tutti gli inquilini i pazienti.

2 marzo, “La casa di famiglia” con Simone Montedoro, Luca Angeletti e Toni Fornari. Quattro fratelli caratterialmente molto diversi tra loro, Giacinto, Oreste, Alex e Fanny hanno una cosa hanno in comune: La Casa di Famiglia, dove sono nati e dove hanno trascorso la loro infanzia. Ognuno ormai ha una sua vita e una sua famiglia, il loro padre è in coma da due anni e la casa vuota è da tempo inutilizzata. Un giorno Alex convoca i fratelli  per annunciare che ha ricevuto un’offerta milionaria per cedere la casa di famiglia. Alex, che ha urgentemente bisogno di soldi, vorrebbe venderla mentre gli altri non sono d’accordo. La decisione, dopo molte discussioni, viene messa ai voti. In quest’atmosfera di incredulità riaffiorano ricordi, rancori, incomprensioni e cose mai dette che raccontano le tante sfaccettature dei rapporti familiari con gli inevitabili riflessi sentimentali e con tante sorprese e colpi di scena divertenti ed emozionanti;

24 marzo, “Maurizio IV – Pirandello Pulp” con Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia. Siamo in teatro, e sul palco è allestita la scena del Gioco delle Parti di Pirandello. Maurizio, il regista dello spettacolo, si aspettava una squadra di tecnici per il montaggio delle luci, ma si presenta solo Carmine, un siciliano di mezza età, che non sembra aver molta voglia di lavorare. Carmine non sa nulla dello spettacolo e Maurizio è costretto a ripercorrerlo interamente per farglielo capire. Pur di lavorare il meno possibile, Carmine si mette a discutere ogni dettaglio. Le sue idee sono innovative, e Maurizio passa dall’irritazione, all’interesse, alla decisione di fare una regia completamente diversa, un Pirandello pulp. I ruoli si invertono: ora è Carmine a dettare la linea, mentre Maurizio lo asseconda. Eppure non tutto è come sembra, e nuovi impensabili ribaltamenti portano verso un finale che si tinge di nero;

1 aprile, “Sherlock Holmes e i delitti di Jack lo squartatore” con Giorgio Lupano, Francesco Bonomo e Rocio Munoz Morales. Londra 1888. Nel quartiere di Whitechappel una serie di terribili omicidi che coinvolgono giovani prostitute sta scuotendo l’opinione pubblica. L’ispettore Lestrade, disperato per la situazione e la pressione della stampa dell’epoca, decide di presentarsi al 221 B di Baker Street per ingaggiare il famoso detective Sherlock Holmes che, insieme all’inseparabile Dr. Watson, inizierà le indagini per dare un volto e smascherare il terribile assassino soprannominato Jack lo squartatore. Durante le indagini incontreranno la famosa spia Irene Adler che si unirà a loro. Avventura e suspense costituiranno il mix esplosivo che li porterà a scoprire una verità molto più sconvolgente di quella che loro stessi potessero immaginare.

Sarà possibile confermare il proprio abbonamento ai 7 spettacoli di prosa a partire da lunedì 28 ottobre e fino a domenica 3 novembre, dalle ore 16 alle ore 18. Lunedì 4 novembre sarà riservato agli abbonati che hanno confermato ma desiderano cambiare posto.

I nuovi abbonati potranno invece recarsi in biglietteria a partire da martedì 5 novembre fino a domenica 10 novembre, dalle ore 16 alle ore 18. Da lunedì 11 novembre a giovedì 12 dicembre ci si potrà invece recare alla biglietteria del Teatro negli orari di programmazione del Cinema Astoria.

Biglietti singoli spettacoli, posto unico numerato: intero 25 euro e ridotto 23 euro.

Per gli spettacoli “Il medico dei pazzi” e “Tropicana” il costo sarà di 23 euro l’intero e 20 euro il ridotto.

Da venerdì 13 dicembre si potranno prenotare o acquistare i biglietti singoli di tutti gli spettacoli della stagione.

LA RICERCA DELLA BELLEZZA

Sala conferenze del Castello di Lerici, sabato 16 novembre.

LA RICERCA DELLA BELLEZZA
Riflessioni mente -anima -corpo e disturbi del comportamento alimentare.

Il 16 novembre, dalle ore 9 alle ore 17, presso il Castello di Lerici, si parlerà di disturbi alimentari, di bellezza, di archetipi femminili, della potenzialità simbolica ed espressiva del corpo nell’arte, del senso d’infinito insito nell’ uomo, di fotografia come ponte tra le emozioni ed il proprio vissuto.
Il convegno aprirà alle ore 9.00.

Alle ore 16.00 inaugurazione della mostra fotografica,  legata al tema del convegno, “I riflessi dell’anima, viaggio tra immagini e parole”, a cura della Associazione culturale Imagomentis, che lega fotografi di tutta Italia. La mostra sarà visitabile fino al 30 novembre 2019.

LERICI PER LA VITA

Marcia non competitiva, da castello a castello, contro il femminicidio.
Si può partecipare a piedi, in bicicletta, con il passeggino.
Ore 10.00 ritrovo presso la Marina di San Terenzo.
Ore 10.30 partenza
Ore 11.30 arrivo a Lerici, Rotonda Vassallo

Iscrizione €5,00 che verranno devoluti per la ricerca scientifica e daranno diritto ad una maglietta ricordo della giornata.
Info: 339/8851590
Iscrizioni al punto di partenza.

LERICI EXPERIENCE

Scarica il magazine Lerici Experience 2019

Un anno ricco di appuntamenti culturali e sportivi: mostre, rassegne, teatro e molto altro.
Buona lettura!

TERRA MARE - MOSTRA FOTOGRAFICA AL CASTELLO SAN GIORGIO

Inaugura il 5 settembre, alle 18.30, la mostra Terra Mare.
Le più belle immagini delle attività contadine di Codogno (Lodi) e della vita sotto e sopra il mare di Lerici, collegando le due località con una sottile linea di continuità e affinità culturale che unisce il mare alla terra, la Liguria alla Lombardia.

La mostra ha l’obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale ed enogastronomico dei due territori, esaltandone le eccellenze e le peculiarità al di fuori dei rispettivi confini.

L’esposizione è articolata in due sezioni: un viaggio nel tempo, scoprendo, con foto d’epoca, le radici del profondo e storico legame che unisce Lerici al mare e Codogno alla terra, ed un percorso artistico, attraverso gli occhi di fotografi locali che, immortalando l’attualità, testimoniano l’odierno rapporto dei due territori la risorsa naturale che tuttora ne influenza profondamente la vita e l’economia.

La mostra è visitabile fino al 3 NOVEMBRE , negli orari di apertura del Castello San Giorgio.